|

Media Consult Srl

Torna indietro

Decidiamo assieme cosa fare

La Televisione, Giornali, i Vigili, addirittura i Bandi di Gara per un appalto mi chiedono di rispettare le normative per la sicurezza e la salute dei lavoratori. Ma come si fa?

Il punto da cui si deve partire è la valutazione dei rischi dell' Azienda: un apposito documento (il Documento di Valutazione dei Rischi o DVR) individuerà e misurerà i rischi  dei lavoratori

Ho capito! Tanto per cambiare si tratta di una spesa in più. E figuriamoci se un'impresa che deve produrre, specie con tutta la concorrenza sleale che c'è in giro, se la può permettere... Ma a che serve? A chi serve ?

Serve innanzitutto a te, che vuoi guadagnare stando a posto. Senza correre rischi, sanzioni e perdere buone occasioni. E tieni presente che attuare la vera sicurezza significa risparmiare su tanti ed inutili sprechi. Sono obblighi che spesso possono essere direttamente gestiti da te come datore di lavoro, formandoti a far questo e senza ricorrere ad altri.

Cioè, faccio tutto da solo? Eppure, mi hanno sempre parlato di un Medico!

Certo, il Medico Competente. È l'esperto che interviene al tuo fianco per sorvegliare la salute dei tuoi dipendenti e confermare la loro idoneità. L'INAIL prevede agevolazioni per le Aziende " in ordine " : potrai risparmiare, non spendere di più . E dormire sereno ...

E da dove si incomincia? Io so fare il mio mestiere, non ho voglia e neppure tempo di spaccarmi la testa!

Non è difficile. Ogni datore di lavoro o singolo artigiano, lavoratore, professionista deve riconoscere la propria attività se è di rischio basso, medio od alto. (Puoi consultare le Tabelle ATECO nel sito). Ti accorgerai che hanno un livello di rischio basso le imprese che fanno commercio all'ingrosso e al dettaglio; le attività di carrozzerie, riparazioni veicoli , lavanderie, parrucchieri, panificatori, pasticceri ecc.). Ed ancora: gli alberghi, i ristoranti, le imprese immobiliari, quelle di informatica, le associazioni ricreative, culturali, sportive.

Capisco finalmente qualcosa! Quindi c'è un rischio basso, e poi?

E poi c'è un livello di rischio medio in cui si inquadrano Imprese, Artigiani e Professionisti che operano nell' Agricoltura, Pesca, Trasporti, Magazzinaggio, Comunicazioni, Assistenza sociale non residenziale , Pubblica amministrazione, Istruzione.

E nel rischio alto chi si trova?

Si trovano le Imprese ed i Professionisti che si occupano di estrazioni di minerali, costruzioni edili, industrie alimentari, tessili, d'abbigliamento, conciarie. Quelle che lavorano il legno e la carta, come editoria e stampa . Imprese che producono e lavorano metalli e minerali non metalliferi come il marmo, quelle che fabbricano macchine apparecchi elettrici, elettronici, autoveicoli. Quelle che producono e distribuiscono energia elettrica, gas, acqua. Chi fa smaltimento rifiuti. Le raffinerie. Chi tratta combustibili nucleari. L' industria chimica. Chi tratta fibre, gomma e plastica La sanità, comprese le RSA.

Tantissime! E, poi, che si può fare?

Si possono stabilire le necessarie misure di prevenzione e protezione (individuale come i Dispositivi di Protezione Individuale o DPI– caschi, mascherine, tute, scarponi - gli armadietti di pronto soccorso ecc.), e collettiva (come le misure antincendio e di sicurezza elettrica da adottare, i filtri per le emissioni, le segnalazioni ecc.)

questo già basta? Sapevo delle protezioni e degli armadietti medicinali e di pronto soccorso. Ma poi mi hanno parlato di certificati di idoneità. Anzi, i vigili me li hanno chiesti subito!

Infatti: il Documento di Valutazione dei Rischi, adeguato ad ogni cambiamento di sede o qualità /quantità delle lavorazioni, potrà permettere al Medico Competente la stesura di un buon Piano di Sorveglianza Sanitaria (PSS) che – attraverso esami necessari , mirati e periodici per ciascun lavoratore – farà definire in piena conoscenza la idoneità o meno di un lavoratore alla mansione a cui è stato incaricato. Il Medico del lavoro, Medico Competente, conosce bene come per i lavoratori di alcuni settori (Agricolo, Spettacolo, Trasporti, Cantieri, Ambienti inquinati e confinati, non aperti, come le cisterne ed i cassoni, ecc.) ci siano obblighi di sorveglianza sanitaria specifica. È la sua specialità.

Quindi, tocca al Medico Competente conservare la salute dei miei operai ! Questo mi fa davvero piacere: alcuni operai sono bravissimi e quando si ammalano si blocca tutto ! Ma posso distribuirli nelle lavorazioni più adeguate alla loro capacità evitando disorganizzazione , disagio ed incompetenze di cui mi sono accorto solo dopo l'assunzione?

Si può e si deve, d'accordo tra imprenditore, medico e dipendenti:  tutti sono contenti di salvare il proprio posto di lavoro e fare bene quel che si sa davvero fare. Anche tu riuscirai a produrre meglio evitando  dure sanzioni pecuniarie all'Impresa!

Detta così, sembra il paradiso...ma come si può credere che un imprenditore od un operaio capiscano tutte queste cose?

Per questo motivo è prevista la formazione. Sia del datore di lavoro che dei dipendenti. Formazione che spieghi cosa e come fare in caso di incidente, di incendio, di scosse elettriche eccetera. Ma, sopratutto, una formazione che insegni a non far succedere queste cose!

Allora vediamoci e decidiamo assieme che fare. Mi raccomando: a costi giusti e che mi facciano crescere!

 

Torna su